Sperimentazione del Goya in Sicilia. Arriva il frutto per la prevenzione e il trattamento del diabete e dell’obesità

goyaProblema
Attualmente, ci sono più di 150 milioni di persone affette da diabete in tutto il mondo e si prevede che questa cifra sarà di oltre 300 milioni entro il 2025

Oggi ci sono oltre un miliardo di adulti in sovrappeso. Tra questi, 300 milioni sono affetti da obesità, e questa cifra tende ad aumentare, con un conseguente rapido aumento delle malattie correlate all’obesità, come il diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus e ipertensione. Le principali  cause del  sovrappeso: dieta con consumo di elevato tasso di grassi e  ad alto contenuto calorico, mancanza di esercizio fisico e l’accelerata urbanizzazione.

Soluzione
Il melone amaro, noto anche come zucca amara o karela (in India), è un vegetale, un frutto unico che può essere usato come cibo o nutraceutico.

Il frutto è la parte commestibile della pianta “Momordica charantia”, un vitigno della famiglia cucurbitacee considerata la più amara fra tutta la frutta e verdura.

La pianta cresce nelle regioni tropicali e subtropicali, tra cui: Sud America, Asia, alcune zone dell’Africa, Caraibi. Adesso anche in Sicilia sotto serra.

Il  melone amaro di colore  verde, ha forma oblunga con esterno verrucoso – anche se le sue dimensioni, la consistenza e l’amarezza variano tra le diverse regioni in cui cresce  ed è ricco di vitamine e minerali essenziali.

Come influisce sul diabete?
Oltre ad essere un ingrediente alimentare, il melone amaro è anche stato a lungo utilizzato come un rimedio a base di erbe per una serie di malattie, tra cui il diabete di tipo 2.

Il frutto contiene almeno tre sostanze attive con proprietà anti-diabetici, tra charantin, che è stato confermato di avere un effetto ipoglicemizzante e un composto simile  insulinico noto come polipeptide-p.

Queste sostanze lavorano individualmente o insieme per contribuire a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

È anche noto che il melone amaro contiene una lectina che riduce le concentrazioni di glucosio nel sangue agendo sui tessuti periferici sopprimendo l’ appetito.

La lectina è ritenuta di essere un fattore importante dietro l’effetto ipoglicemizzante che si sviluppa dopo aver mangiato il melone amaro.

Nel gennaio 2011, i risultati di uno studio clinico di quattro settimane sono stati pubblicati nel Journal of Ethnopharmacology, che hanno dimostrato che  2.000 mg di dose giornaliera di melone amaro riduce significativamente i livelli di glucosio nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 2, anche se l’effetto ipoglicemizzante è stato minore a una dose di 1000 mg / die.

Altri studi precedenti hanno suggerito un’associazione tra l’assunzione di melone amaro e miglioramento del controllo glicemico, mentre un rapporto pubblicato nel numero di marzo 2008 di Chimica e Biologia trovato che il melone amaro aumenta la capacità di assorbimento cellulare del glucosio e migliora la tolleranza al glucosio.

Tuttavia, la ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Epidemiology nel 2007 non è riuscito a dimostrare i benefici di melone amaro per il diabete di tipo 2 scarsamente controllato, mentre un’altra recensione clinico pubblicata due anni dopo sul British Journal of Nutrition ha dichiarato che occorrono altri studi per confermare il ruolo della frutta nel diabete.

Altri vantaggi
il melone amaro è usato nella medicina tradizionale per:

  • Colica
  • Febbre
  • Tosse cronica
  • Mestruazioni dolorose
  • Malattie della pelle

E ‘anche usato per guarire le ferite, in alcune parti dell’Africa e dell’Asia,  per prevenire o curare la malaria e le malattie virali come il morbillo e la varicella.

Inoltre, i ricercatori della Saint Louis University negli Stati Uniti  affermano di aver dimostrato che un estratto di melone amaro può uccidere le cellule del cancro al seno e impedire loro di crescere e diffondersi.

l’EFSA  conclude che un rapporto di causa ed effetto non è stato stabilito tra il consumo di cibo / costituenti alimentari per il  mantenimento a lungo termine delle normali concentrazioni di glucosio nel sangue.

Usi

  • antibiotico
  • antivirale
  • leggermente lassativo
  • contrastante le formazioni tumorali
  • equilibrante le regolazioni ormonali del metabolismo cellulare
  • disintossicante ematico
  • ipoglicemico
  • ipotensivo
  • stimolante della circolazione
  • regolarizzante tasso di colesterolo
  • antinfiammatorio
  • immunosoppressivo ,modifica l’attività dei linfociti T e B
  • stimolante del metabolismo lipidico
  • azione positiva sullo stato generale di salute
  • regolarizza il sonno
  • migliora e stimola la digestione e l’alvo
  • accelera il processo di guarigione delle ferite

a livello terapeutico ha ottimi effetti sul

  • diabete mellito
  • artrite reumatoide
  • lupus eritematoso
  • patologie autoimmunitarie
  • tosse e asma
  • patologie epatospleniche
  • acne e svariate patologie dermatologiche
  • ulcere cutanea
  • avvelenamenti di varia natura
  • infiammazioni
  • sovrappeso
  • reazioni di rigetto in seguito a trapianti di tessuto e organi

goya2

Attualmente, come vedete dalle foto è coltivato in serra protetta. Nessun fitofarmaco è stato somministrato. La tecnica è il fuori suolo. La sperimentazione prevede la sua coltivazione in aeroponica e la trasformazione attraverso liofilizzazione e utilizzo come infuso, cosmetico e integratore alimentare.

Dott. Bartolomeo Uccio Pazienza

Fonte: EFSA, www.diabetes.org.uk

Per info e partenariati commerciali di filiera (nutraceutica, cosmetica, agroalimentare, mercati generali)

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Telefono

Città

Cosa intendi fare?

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità
alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Acconsento (flaggare la casella sotto)

captcha

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi