Bando con fondo perduto per acquisto e noleggio trattori e macchine innovative per abbattimento delle emissioni e la sicurezza

E’ attivo il bando Isi-Agricoltura 2016 con il quale vengono stanziati 45 milioni di euro per il miglioramento della sicurezza nelle micro e piccole imprese.

Ammodernare il parco macchine in attività nei nostri campi, mirando soprattutto a prevenire i rischi sul lavoro.

Ammodernare il parco macchine in attività nei nostri campi, mirando soprattutto a prevenire i rischi sul lavoro.

Il finanziamento è destinato infatti agli investimenti per l’acquisto o il noleggio di macchine e trattori caratterizzati da soluzioni innovative per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore e il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende.

Sostenibilità, innovazione e sicurezza i principi cardine dell’intervento.

Destinatari
le aziende agricole che possono accedere agli incentivi sono le imprese individuali, le società agricole e le società cooperative operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli e in possesso dei requisiti specificati nel bando.

Ogni impresa potrà presentare una sola domanda e per uno solo dei due assi di finanziamento previsti.

I progetti finanziati dal bando Isi-Agricoltura 2016, in particolare, possono prevedere l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di due beni al massimo, da associare secondo questo schema:

  • un trattore agricolo o forestale più una macchina agricola o forestale dotata o meno di motore proprio;
  • una macchina agricola o forestale dotata di motore proprio più una macchina agricola o forestale non dotata di motore proprio;
  • due macchine agricole o forestali non dotate di motore proprio.

Tempistica
In caso di esito positivo della verifica da parte dell’Inail, i termini di realizzazione del progetto finanziato sono diversificati: 180 giorni nel caso di acquisto diretto dei mezzi agricoli o forestali, 365 nel caso di noleggio con patto di acquisto.

Contributo a fondo perduto

Il contributo in conto capitale coprirà il 50% delle spese ammissibili sostenute e documentate dalle imprese agricole dei giovani agricoltori e il 40% dei costi sostenuti da tutte le altre aziende.

I progetti da finanziare devono essere tali da comportare un contributo compreso tra un minimo di mille euro e un massimo di 60mila.

I fondi saranno erogati dopo la conclusione del progetto, ma nel caso di contributi superiori a 30mila euro è possibile richiedere un anticipo pari a metà dell’importo, che sarà concesso previa costituzione di garanzia fideiussoria a favore dell’Inail.

L’anticipo, però, non può essere concesso per i progetti che prevedono il noleggio con patto di acquisto.

L’importo, distribuito in budget regionali e provinciali, è ripartito in due assi di intervento: il primo, da cinque milioni di euro, riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria, e il secondo, da 40 milioni, destinato alla generalità delle imprese agricole.

Scadenza
La compilazione delle domande tra il 10 novembre 2016 e il 20 gennaio 2017.

La procedura di assegnazione degli incentivi  e’ del tipo valutativa ‘a sportello’ e terra’ conto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Tra il 10 novembre 2016 e il 20 gennaio 2017 le imprese agricole dovranno inserire sul sito dell’Inail i dati dell’azienda e le informazioni relative al progetto per cui richiedono il finanziamento, sulla base di una serie di parametri che determineranno il raggiungimento o meno della soglia minima di ammissibilita’, pari a 100 punti.

Una volta conclusa la fase di compilazione, le aziende che avranno raggiunto o superato questo punteggio potranno inviare la propria domanda attraverso lo sportello informatico.

Le date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello saranno pubblicati sul portale dell’Istituto Inail a partire dal 30 marzo 2017.

Fonte MIPAAF – INAIL

NB per partecipare è necessario essere in regola con i contributi Inail, essere dotati di Piano di Sicurezza e relativo DVR. 

Qualora sprovvisti di piano di sicurezza, piano formativo e DVR  (documento valutazione dei rischi) siamo in grado di fornirvi tali servizi professionali attraverso nostri partners qualificati.

Per info e  preventivo compila il form

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Telefono

Città

Il tuo messaggio

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità
alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Acconsento (flaggare la casella sotto)

captcha

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi