Check list di controllo anti contagio per le aziende agricole ed agroalimentari

Nuovo modello-dvr-standardizzato-2020-documento-valutazione-rischiIl rischio da contagio da SARS-CoV-2 in occasione di lavoro può essere classificato secondo tre variabili:

Esposizione: la probabilità di venire in contatto con fonti di contagio nello svolgimento delle specifiche attività lavorative (es. settore sanitario, gestione dei rifiuti speciali, laboratori di ricerca, ecc.);

Prossimità: le caratteristiche intrinseche di svolgimento del lavoro che non permettono un sufficiente distanziamento sociale (es. specifici compiti in catene di montaggio) per parte del tempo di lavoro o per la quasi totalità;

Aggregazione: la tipologia di lavoro che prevede il contatto con altri soggetti oltre ai lavoratori dell’azienda (es. ristorazione, commercio al dettaglio, spettacolo, alberghiero, istruzione, ecc.).

Per le aziende agricole il rischio è basso.
Per le aziende agroalimentari il rischio è basso.

Nell’ottica di un approccio partecipato ed integrato all’attuazione delle procedure che l’azienda deve attuare, occorre  il coinvolgimento di tutte le figure della prevenzione aziendale, medico competente, RSPP, RLS/RLST, nel coadiuvare il datore di lavoro in un puntuale monitoraggio dell’attuazione attenta e responsabile delle suddette misure.

Garantire la partecipazione consapevole ed attiva dei lavoratori potrà apportare risultati efficaci con impatti  positivi anche all’esterno dell’azienda e dell’ambiente lavorativo.

C’è la necessità di adottare una serie di azioni che vanno ad integrare il documento di valutazione dei rischi (DVR) atte a prevenire il rischio di infezione SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro contribuendo, altresì, alla prevenzione della diffusione dell’epidemia.

Le misure da adottare posso essere cosi classificate:

• Misure organizzative
• Misure di prevenzione e protezione
• Misure specifiche per la prevenzione dell’attivazione di focolai epidemici.

Al fine di agevolare l’integrazione del DVR (Documento valutazione Rischio) forniamo gratuitamente le voci di una  Check list di controllo. Da questa lista di controllo possiamo ricavarne immediata informazione in tema di attuazione, attuazione  in corso, non applicabile e note di commento.

Voci della  Check list di controllo

  • Massimo utilizzo del lavoro agile per le attività che possono essere svolte presso il proprio domicilio.
  • Sospensione delle attività dei reparti aziendali non indispensabili
  • Applicazione protocollo anticontagio
  • Rispetto della distanza di 1 metro
  • Uso della maschera quando non sia possibile rispettare la distanza di 1 metro
  • Incentivazione delle operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro (anche utilizzando ammortizzatori sociali)
  • Limitare al massimo gli spostamenti all’interno delle sedi di lavoro
  • Contingentare l’accesso agli spazi comuni
  • Differenziazione degli orari di ingresso, uscita e pause
  • Affissione di cartellonistica anticontagio
  • Eliminazione degli spostamenti tra aree di competenza diverse
  •  Verifica delle distanze di 1 metro tra un operatore e l’altro, in particolare tra un operatore e chi gli sta dietro
  • Rispetto della distanza di 1 metro in reception, rispetto a chi viene accolto
  • Eliminazione degli accessi dall’esterno o adozione della procedura di autorizzazione / anti contagio
  • Presenza di igienizzante per le mani nei bagni
  • Svolgimento del lavoro in appalto solo in orari dove non sono presenti operatori
  • Sanificazione della postazione e delle attrezzature prima dell’inizio del turno
  • Sanificazione dei bagni più volte al giorno
  • Sanificazione delle aree break dopo gli intervalli di fruizione definiti
  • L’ufficio personale è informato su come comportarsi in caso di notizia di positività.

Il DVR è un documento in cui vengono valutati tutti i rischi per la sicurezza e la salute a cui possono essere soggetti, all’interno della realtà produttiva, i lavoratori durante le attività.

Si tratta di un documento obbligatorio per l’impresa, da possedere sempre aggiornato e la cui responsabilità è a carico del Datore di Lavoro (Art. 28 Dlgs 81/08).

L’obbligo scatta dal momento in cui un’azienda ha almeno un lavoratore, inteso non solo come dipendente, ma anche come socio, stagista /tirocinante, volontario o lavoratore occasionale.

Per Azienda si intende qualsiasi forma giuridica costituita: ditte individuali, società a responsabilità limitata, società a nome collettivo, società semplici, società in accomandita semplice, ecc.

I rischi dell’azienda vengono analizzati durante le varie fasi di lavoro e per i diversi macchinari e attrezzature utilizzate.

Oggi sono tre  le principali tipologie di rischio che vanno obbligatoriamente valutate in tutte le attività:

  • Stress Lavoro-Correlato
  • Movimentazione Manuale dei Carichi.
  • Contagio

Gli altri possibili rischi dipendono da caso a caso e sono ad esempio i seguenti:

  • Chimico (es. utilizzo di fitofarmaci)
  • Biologico (es. rischio da taglio o di infezione in altri modi)
  • Rumore
  • Vibrazioni
  • Movimenti ripetitivi
  • Incendio
  • Atex (esplosione)

Per il tuo DVR aziendale non esitare a contattarci compilando il form sottostante:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Telefono

Città

Il tuo messaggio

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità
alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Acconsento (flaggare la casella sotto)

captcha

Fonte: INAIL, Ministero della Salute, MSR Iblea Formazione, Cefap

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi