Impianto a biomassa in container, energia elettrica, termica e biochar

Cogenerazione a biomassa in container

Cogenerazione a biomassa in container

Gli impianti di cogenerazione a biomassa  possono esser qualificati ai fini dell’incentivazione FER GSE.

Attraverso questo meccanismo l’energia prodotta ed immessa in rete viene ritirata dal Gestore dei Servizi Energetici e remunerata con un prezzo fisso per 20 anni.

Ad esempio, l’energia elettrica prodotta ed immessa in rete attraverso un impianto  alimentato da cippato di legna o sottoprodotti di origine biologica di cui alla Tabella 1 –A;  beneficia di un incentivo pari ad € 246 / MegaWatt con l’attuale DM 2016.

Vi consigliamo impianti in container per i quali non servono opere edili , basta solo una piattaforma in cemento.

Taglie da

- 35 kW elettrici (45 termici):

- 50 kW elettrci (75 termici):

- 100 kW elettrici (150 termici):

- 200 kW elettrici (300 termici)

Sottoprodotti provenienti da attività agricola, di allevamento, dalla gestione del verde e da attività forestale

  • effluenti zootecnici;
  • paglia;
  • pula;
  • stocchi;
  • fieni e trucioli da lettiera.
  • residui di campo delle aziende agricole;
  • sottoprodotti derivati dall’espianto;
  • sottoprodotti derivati dalla lavorazione dei prodotti forestali;
  • sottoprodotti derivati dalla gestione del bosco;
  • potature, ramaglie e residui dalla manutenzione del verde pubblico e privato.

L’impianto è ideale  per aziende agricole che necessitano di energia termica, elettrica, per i propri processi produttivi e del biochar destinato alla fertilizzazione delle colture.

Il decreto ministeriale degli incentivi è oggetto di revisione in questi giorni.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Telefono

Città

Cosa intendi fare?

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità
alla Legge sulla Privacy n.196/2003.

Acconsento (flaggare la casella sotto)

captcha

 

 

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi