Regione Piemonte aiuti alle imprese agroindustriali bando misura 4.2 trasformazione e commercializzazione

Obiettivo del Bando
L’operazione concorre a migliorare la competitività sostenibile delle imprese agroindustriali e indirettamente a sviluppare forme di integrazione orizzontale e verticale nelle filiere agroalimentari.

Aiuti alla trasformazione PSR Piemonte 2014 2020

Aiuti alla trasformazione PSR Piemonte 2014 2020

L’operazione contribuisce agli obiettivi trasversali del PSR Piemonte 2014 – 2020:

  • innovazione: sostenendo investimenti di carattere innovativo sia sotto il profilo del prodotto che delle tecnologie e dell’organizzazione;
  • ambiente: finanziando iniziative che concorrono alla tutela e al miglioramento dell’ambiente come ad esempio gli investimenti per il trattamento delle acque reflue;
  • cambiamento climatico: sostenendo investimenti per la migliore gestione delle risorse idriche, il risparmio energetico, la produzione di energia da fonti rinnovabili e il contenimento delle emissioni

Gli investimenti nelle imprese agroindustriali, stimolando la competitività del settore agricolo, possono favorire al riequilibrio economico‐territoriale delle zone rurali contribuendo alla creazione e al mantenimento di posti di lavoro.

Le imprese richiedenti, a pena di esclusione e/o decadimento della domanda di sostegno, devono:

  • dimostrare che almeno il 66% della materia prima trasformata e/o commercializzata sia di provenienza extraziendale;
  • dimostrare il possesso dei terreni e dei fabbricati interessati all’investimento;
  • dimostrare la cantierabilità dell’investimento.

Beneficiari
Possono accedere ai benefici previsti dalla presente operazione le imprese agroindustriali, iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA, attive nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti di cui all’allegato I del TFUE, esclusi i prodotti della pesca

Agevolazioni previste
L’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale. La percentuale di aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile. La percentuale di aiuto concessa alle PMI per investimenti concernenti la trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli (fuori allegato I del TFUE) è pari al 10 % della spesa ammissibile. Non è ammessa la possibilità di cumulare gli aiuti previsti nei bandi con altri aiuti.

Investimenti ammissibili
Il bando si suddivide in due parti

  • Bando A): acquisto di immobili, realizzazione di opere edili, acquisto di macchinari, impianti, attrezzature;
  • Bando B): acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature

Gli investimenti ammissibili al sostegno sono i seguenti:

  • investimenti rivolti all’introduzione di nuovi prodotti, di nuovi processi, di tecnologie innovative, a rispondere a nuove opportunità di mercato, alla sicurezza alimentare, alla tracciabilità, alla tutela ambientale (per il risparmio idrico e per il trattamento delle acque reflue), all’aumento di sicurezza del lavoro;
  • investimenti per rendere più efficiente l’uso dell’energia (investimenti per il risparmio energetico)
  • investimenti per l’approvvigionamento e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari nelle industrie di trasformazione dei prodotti agricoli food e no food a fini di autoconsumo.

In coerenza con l’Accordo di partenariato, è esclusa dal sostegno la produzione di biocombustibili derivanti da produzione agricola dedicata. Non sono ammissibili gli investimenti connessi alla produzione di energia da fonti rinnovabili realizzati da PMI che trasformano prodotti agricoli in prodotti non agricoli (fuori allegato I del TFUE).

 Scadenza
entro il 30 settembre 2016, termine ultimo perentorio per l’invio

Leggi il bando

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi