Agricoltura Sicilia Fondo perduto fino al 60% per progetti di miglioramento competitivo.

AllevamentoE’ stato pubblicato il nuovo Bando della sottomisura 4,01 del PSR Sicilia  per accedere a sovvenzioni a fondo perduto destinato alle imprese agricole già costituite.

La dotazione finanziaria del Bando è pari ad € 40.000.000,00. Della suddetta dotazione finanziaria, € 2.000.000,00 saranno riservati agli interventi da realizzare nelle Isole Minori.

Obiettivo del Bando  è l’ammodernamento del sistema produttivo agricolo ed agroalimentare attraverso un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti materiali e/o immateriali, volti al miglioramento del rendimento globale aziendale nonché al riposizionamento delle stesse sui mercati.

Chi può partecipare
Gli agricoltori, persone fisiche e giuridiche (società agricola di persone, capitali o cooperativa di produzione, costituite in conformità alla legislazione vigente).

Tali soggetti, alla data di presentazione della domanda di sostegno devono essere in possesso di un fascicolo aziendale aggiornato alla medesima data, titolari di partita IVA con codice di attività agricola, iscritti alla CCIAA e all’INPS.

Possedere nella qualità di proprietari e/o affittuari e/o comodatari una base aziendale con una dimensione economica minima in termini di produzione lorda standard totale aziendale di:

  • almeno 8.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori;
  • almeno 10.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree natura 2000;
  • almeno 15.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle altre zone

Presentare un piano aziendale che dimostra la sostenibilità economico-finanziaria degli interventi ed il miglioramento del rendimento globale dell’azienda.

Importo del progetto

Potranno essere ammesse al finanziamento le iniziative progettuali riguardanti interventi nelle aziende agricole ubicate nell’intero territorio della Regione Sicilia.

Importo minimo progetto € 20.000 per le Isole 10.000 € -
Importo massimo progetto € 300.000

Investimenti e spese non ammissibili
Ai sensi del comma 3, art. 45 del Regolamento n. 1305/2013, non sono ammissibili al sostegno le spese per:

  • l’acquisto di diritti di produzione agricola;
  • l’acquisto di diritti all’aiuto;
  • l’acquisto di animali;
  • l’acquisto di piante annuali e loro messa a dimora.
  • Non sono altresì, ammissibili le seguenti spese, costi o investimenti per:
  • realizzazione, acquisto e ristrutturazione di fabbricati ad uso residenziale;
  • acquisto di macchine, attrezzature e materiale usato;
  • opere di manutenzione ordinaria;
  • costi relativi alla partecipazione a sistemi di qualità ed alla relativa certificazione;
  • acquisto di macchine e attrezzature, macchinari e impianti che vanno a sostituire altre equivalenti o di pari funzioni già presenti in azienda con meno cinque anni di età (interventi di semplice sostituzione);
  • IVA e altre imposte, tasse e oneri vari.

Intensità del sostegno
Il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale.

Il livello contributivo a fondo perduto è pari al 50% del costo dell’investimento ammissibile che non deve essere superiore a 300 mila euro.
La predetta aliquota sarà maggiorata di un ulteriore 10%, quindi pari al 60%  nel caso di investimenti realizzati da giovani agricoltori quali definiti nel Regolamento (UE) n. 1305/2013 o che si sono già insediati durante i cinque anni precedenti la domanda di sostegno.

Scadenze
La domanda di sostegno  documentazione obbligatoria allegata e piano aziendale possono  essere presentati, dal 15 maggio 2020 al 15 ottobre 2020.

Nota dello scrivente:

  • Assicurarsi di avere capacità finanziarie da utilizzare in cofinanziamento con la Banca o di terzi
  • Valutare attentamente i flussi di cassa e verificare la congruità dell’investimento rispetto al rendimento atteso. (Modellazione finanziaria).
  • Introdurre innovazioni di processo e di prodotto che riducono i costi di produzione e gli impatti su acqua, aria, suolo, ambiente.
  • Aumentare il valore aggiunto dei prodotti agricoli (pronti a mangiare, fortificati, basso residui, zero pesticidi, carne con poco grasso, animali alimentati con foraggio fresco tutto l’anno, etc)
  • Ridurre i rifiuti e riutilizzare gli scarti e  i sottoprodotti (economia circolare)
  • Aumentare il benessere animale con sanificazioni periodiche
  • Introdurre procedure operative ed organizzative volte a ridurre la contaminazione incrociata tra uomo,  macchine,  prodotti agricoli, animali
  • Introdurre certificazioni LCA (impronta idrica e del carbonio per unità di prodotto) di prodotto e di processo.
  • Ridurre il fabbisogno di energia da non rinnovabili
  • Aumentare il marketing diretto e visibilità sul web e social network
  • Creare Punti vendita aziendali collettivi e relativa piattaforma eCommerce.
  • Creare visite aziendali virtuali (realtà virtuale, aumentata, video 360) da distribuire ai portatori di interesse.
  • Adottare sensori e software per ridurre il rischio perdite, per il supporto alle decisioni.
  • Ridurre la filiera, aderire ad Organizzazioni di Produttori riducendo costi per la commercializzazione, la consulenza agronomica, disciplinari di produzione, tranciabilità del prodotto.

Per verificare se puoi accedere alle agevolazioni acquista una consulenza telefonica della durata di 30 minuti. Durante il colloquio saranno forniti suggerimenti per preparare al meglio l’eventuale progetto che deve rispondere a requisiti di punteggio. Possiamo aiutarvi a risparmiare denaro con una pre fattibilità.

Misura attiva fino al 15 ottobre 2020

Vai al servizio di consulenza telefonica

telefono[1]

Fonte: Regione Sicilia Assessorato Agricoltura
Testo di sintesi e Note: Bartolomeo Uccio Pazienza

 

 

 

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi