Come affrontano l’emergenza sanitaria i produttori di cannabis terapeutica

Cannabis Covid 19La salute è diventata la preoccupazione principale di tutti e in questo contesto i produttori di cannabis terapeutica e medicale hanno preso alcuni provvedimenti ed introdotte nuove procedure operative per fronteggiare il nuovo livello di rischio. Ricordiamo che i produttori di ingredienti farmaceutici adottano la GMP che garantisce elevati standard di sicurezza.

L’olandese Bedrocan è dotato di un magazzino per far fornte a diversi mesi di fornitura. Inoltre continuare ad operare normalmente con personale ridotto al minimo grazie al fatto che producono cannabis in ambiente altamente controllato in cui è richiesta poca azione umana. Le coltivazioni indoor sono automatizzate con supporto di sensori collegati ad attuatori.

Bedrocan ha implementato diverse misure in linea con le raccomandazioni delle autorità olandesi. Ad esempio, tutto il personale amministrativo lavora da casa e tutti i viaggi, le visite aziendali e le riunioni esterne sono state  annullate.

Dal punto di vista delle vendite non ci sono problemi poiche l’azienda intrattiene rapporti commerciali con un unico cliente il Ministero della Salute olandese. Le consegne avvengono nei tempi concordati fra le parti. 

Canopy Growth, azienda canadese quotata in borsa ha adottato procedure rigorose e somministrato ai propri dipendenti linee guida per la pulizia. Ciò si traduce in equipaggiamento di protezione completo per ogni dipendente,  si lavora in spazi di produzione sterilizzati e garantisce  il monitoraggio di ogni dipendente addetto alla produzione e alla qualità.

I dipendenti che maneggiano i prodotti indossano maschere chirurgiche, guanti e tute idonee per accedere alle camere bianche tipiche degli ambienti farmaceutici.
Tutte le camere di produzione all’interno della struttura sono equipaggiati con filtri   HEPA e pressione positiva. La frequenza delle operazioni di pulizia è stata  aumentata e utilizziamo  tamponi  per assicurarsi che ogni superficie di tutta la struttura produttiva  è pulita correttamente.

Cosa possono fare i consumatori di cannabis per limitare il potenziale di trasmissione dd COVID-19 ?

I consumatori devono  evitare di condividere i dispositivi di inalazione e si suggerisce di trattare la cannabis da inalazione o da infuso come se si trattasse di alimento, pertanto  lavarsi accuratamente le mani prima della manipolazione e limitare il contatto del prodotto cannabis con le superfici. 

La cannabis deve essere conservata in un luogo a basso rischio di contaminazione e tutti i dispositivi e accessori di cannabis devono essere puliti regolarmente con alcool o sapone e acqua, secondo le raccomandazioni del produttore  se applicabile.

Fonte: Bedracom - Canopy Growth

E’ disponibile per gli interessati un business plan che ti permette di valutare ed implementare uno stabilimento per la produzione di ingredienti farmaceutici di origine vegetale. 

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi