Aiuti economici annuali a fondo perduto che la PAC assegna agli agricoltori in attività. Pagamento accoppiato per zootecnia e seminativi

Il sostegno accoppiato è concesso esclusivamente a quei settori o a quelle regioni di uno Stato membro europeo in cui determinati tipi di agricoltura o determinati settori agricoli  rivestono particolare importanza per ragioni economiche, sociali o ambientali, si trovano in difficoltà.

La percentuale di massimale nazionale annuo di cui all’allegato II del regolamento (UE) n. 1307/2013 destinata al finanziamento del sostegno accoppiato, è fissata, ai sensi del regolamento (UE) n. 1307/2013 all’’articolo 53, paragrafo 2, lettera b)  al 12 per cento.

Il sostegno accoppiato è destinato, in base alle scelte sell’Italia a 10 settori produttivi e a 17 misure di intervento. La maggior parte delle risorse è destinata alla zootecnia (211,9 milioni di euro, pari al 49,3%) e distribuita tra i seguenti settori: vacche da latte, bufale, vacche nutrici, bovini macellati a 12-24 mesi, e ovicaprini.

Il sostegno ai seminativi (147,0 milioni di euro, pari al 34%) interessa sette colture: riso, barbabietola, pomodoro da industria, grano duro (centro-sud), soia (nord), proteaginose (centro), leguminose da granella (sud).

All’olivicoltura è destinato un plafond di 70,4 milioni di euro (16,4% delle risorse)

Il sostegno accoppiato assume la forma di un pagamento annuo ed è concesso entro determinati limiti quantitativi e sulla base di superfici e rese fisse o di un numero fisso di capi

Il sostegno accoppiato è concesso soltanto nella misura necessaria a incentivare il mantenimento degli attuali livelli di produzione nei settori o nelle regioni interessati.

Ecco l’entità dell’aiuto settore zootecnico

sostegno-accoppiato-zootecnia

Per i seminativi Intensità aiuto a superficie 

sostegno-accoppiato-a-superficie

 Fonte: Ministero Politiche agricole  - Commissione Europea Regolamento (UE) n. 1307/2013

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi