Algocoltura innovativa se ne parla ad Aquafarm il 26 e 27 gennaio 2017

Algocoltura fotobioreattoriLa seconda giornata di AquaFarm, venerdì 27 gennaio 2017, sarà dedicata alle alghe: le conferenze tratteranno i temi più attuali e innovativi dell’algocoltura e delle potenzialità che l’utilizzo di micro e macroalghe offre nei più diversi ambiti.

Le alghe, così come l’acquacoltura e il vertical farming, possono diventare una spinta alla rinascita economica e sociale del nostro Paese. Anche questo è l’obiettivo di AquaFarm.

Le quattro sessioni dedicate alle alghe saranno coordinate e moderate dal professor Mario Tredici, vicepresidente di EABA – European Algae Biomass Association.

La mattina si aprirà con La coltivazione e la tecnologia delle alghe: lo stato dell’arte. Introdotta da una panoramica a livello europeo, la sessione indagherà le nuove modalità di coltivazione, le tecnologie di base, tra cui i fotobioreattori, e le applicazioni funzionali delle microalghe in architettura. Inoltre, in un evento dedicato principalmente all’acquacoltura, sarà d’obbligo un approfondimento sulla produzione di componenti di mangimi derivati proprio dalle alghe. Dopo vent’anni di ricerca e sperimentazioni volte alla riduzione del consumo di risorse oceaniche, si è arrivati forse ad un punto di svolta.

Il programma delle conferenze di AquaFarm 2017 è disponibile in costante aggiornamento nella sezione Programma del sito web www.aquafarm.show, dove è anche possibile registrarsi per la partecipazione gratuita. Ricordiamo che sarà possibile accreditarsi anche in loco, ma l’entrata sarà subordinata, in questo caso, all’acquisto obbligatorio del catalogo della manifestazione, al costo di 20 euro.

Visita il sito dell’evento Aquafarm che si terrà a Pordenone il 26 e 27 gennaio 2017.

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi