Bando: Fondo perduto fino al 70% Bando PSR Sicilia 2014 2020 sottomisura 4.1 – Sostegno a investimenti nelle aziende agricole – Ammodernamento strutturale

filiera latteL’intervento 4.1 del PSR Sicilia 2014 –  2020 prevede un sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti materiali e/o immateriali volti alla ristrutturazione e all’ammodernamento del sistema produttivo agricolo e agroalimentare e orientati al miglioramento del rendimento globale delle imprese sui mercati, anche attraverso l’innovazione tecnologica ed all’introduzione di nuovi prodotti e processi.

Attenzione il bando è stato pubblicato 

Importante novità. La Commissione europea ha accolto la modifica sollevata dal comitato di sorveglianza in riferimento alla produzione standard minima per poter accedere alle sovvenzioni che riportiamo:

Il sostegno è concesso agli agricoltori o alle associazioni di agricoltori che gestiscono, al momento della presentazione dell’istanza, aziende che possiedono una dimensione economica minima in termini di Produzione Lorda Standard Aziendale di:
- almeno 8.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori;
- almeno 10.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree Natura 2000;
- almeno 15.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle altre zone.

Nel caso di società, il controllo effettivo deve rimanere in capo agli agricoltori.
Per beneficiare del sostegno le imprese devono presentare un piano aziendale degli investimenti in cui si dimostra la sostenibilità economico-finanziaria degli interventi, il miglioramento del rendimento globale ed il raggiungimento di una dimensione economica minima dell’azienda in termini di Produzione Lorda Standard Aziendale di:
- almeno 10.000 euro nelle isole minori;
- almeno 15.000 euro nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree Natura 2000;
- almeno 25.000 nelle altre zone .

Inoltre, nel caso di investimenti che prevedono interventi di trasformazione e commercializzazione, il prodotto oggetto di trasformazione e commercializzazione deve essere prevalentemente (almeno il 70%) di provenienza aziendale

Con la sotto misura, si intende:

  • sostenere il processo di ristrutturazione e ammodernamento delle aziende agricole con attenzione anche alla sostenibilità ambientale e al miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro;
  • favorire la concentrazione dell’offerta;
  • sviluppare le produzioni agroalimentari di III, IV e V gamma, di cui all’allegato I del TFUE; potranno beneficiare del sostegno soltanto i prodotti di cui all’allegato I del TFUE;
  • incentivare interventi di integrazione, sia orizzontale che verticale, finalizzati ad aumentare il valore aggiunto delle produzioni ed il reddito dei produttori, anche attraverso investimenti per la logistica e l’utilizzo delle TIC;
  • migliorare la qualità dei prodotti agricoli e zootecnici, anche attraverso investimenti funzionali all’implementazione di sistemi di qualità, tranciabilità e gestione ambientale;
  • ridurre i costi di produzione e migliorare le condizioni di produzione e di allevamento compatibilmente anche con le necessità di protezione dell’ambiente e del paesaggio (osservanza delle norme, igiene e benessere degli animali, risparmio idrico ed energetico, uso di fonti alternative, riduzione dei fattori inquinanti);
  • incentivare la diversificazione degli ordinamenti colturali e delle produzioni agricole, anche verso settori non alimentari;
  • sostenere gli investimenti effettuati da giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in una azienda agricola in qualità di capi dell’azienda.

Beneficiari
Gli agricoltori e le associazioni di agricoltori.

Condizioni di ammissibilità
Il sostegno è concesso agli agricoltori o alle associazioni di agricoltori che gestiscono aziende che possiedono una dimensione economica minima in termini di Produzione Lorda Standard Aziendale di:

almeno 15.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle isole minori, nelle zone montane e con svantaggi e nelle aree Natura 2000;
almeno 25.000 euro di Produzione Standard Totale Aziendale nelle altre zone.

Nel caso di società, il controllo effettivo deve rimanere in capo agli agricoltori.

Per beneficiare del sostegno le imprese devono presentare un piano aziendale degli investimenti in cui si dimostra la sostenibilità economico-finanziaria degli interventi ed il miglioramento del rendimento globale dell’azienda e un progetto esecutivo.

Inoltre, nel caso di investimenti che prevedono interventi di trasformazione e commercializzazione, il prodotto oggetto di trasformazione e commercializzazione deve essere prevalentemente (almeno il 70%) di provenienza aziendale.

Gli impianti di vigneto saranno ammissibili solamente se previamente autorizzati ai sensi degli artt. 63 e 64 del Reg. (UE) n. 1308/2014.

Gli investimenti realizzati nelle aree Natura 2000 saranno sottoposti a valutazione di incidenza ambientale.

Ai sensi dell’art. 45 del Reg. (UE) n. 1305/2013 qualora un investimento rischi di avere effetti negativi sull’ambiente, l’ammissibilità dell’intervento al sostegno è subordinata alla presentazione di una valutazione di impatto ambientale.

Principi dei criteri di selezione A -
Priorità di tipo trasversale su tutti i comparti produttivi:

a. Investimenti proposti da Imprenditori Agricoli professionali (IAP);

b. Investimenti proposti da imprenditori agricoli che gestiscono un ‘azienda di dimensioni economica (PST)) di almeno 50.000 euro;

c. Aziende assoggettate al regime di agricoltura biologica;

d. Aziende con produzioni di qualità certificata IGP, DOP, SQNPI, SQNZ, e regimi facoltativi di certificazione;

e. Iniziative finalizzate alla concentrazione dell’offerta proposte da associazioni di agricoltori;

f. Iniziative finalizzate al completamento della filiera;

g. Investimenti per la produzione e l’uso di energie alternative;

B – Investimenti prioritari nei settori produttivi:

B.1 Produzioni vegetali
Comparto cerealicolo:
Sistemi di stoccaggio dimensionati sulla produzione aziendale per la differenziazione del prodotto e una migliore conservazione della qualità merceologica ed igienico-sanitaria.

Leguminose: Sistemi di stoccaggio dimensionati sulla produzione aziendale per la differenziazione del prodotto ed una migliore conservazione della qualità merceologica ed igienico-sanitaria;
Introduzione di nuove e/o antiche varietà di legumi in funzione di specifiche nuove esigenze di mercato.

Comparto orticolo:
Concentrazione dell’offerta con la realizzazione di centri interaziendali di confezionamento e commercializzazione con particolare riferimento alla logistica.
Acquisto macchine specializzate per l’esecuzione delle operazioni colturali e della raccolta per ridurre i costi di produzione.
Realizzazione di strutture serricole con sistemi di riciclaggio dell’aria ai fini del miglioramento della salubrità degli ambienti di lavoro;

Comparto florovivaistico:
Concentrazione dell’offerta mediante la realizzazione di centri interaziendali di confezionamento e commercializzazione con particolare riferimento alla logistica.

Piante Officinali:
Investimenti nei processi di post raccolta e/o stoccaggio mirati al miglioramento della qualità merceologica ed igienico-sanitaria del prodotto;
Investimenti finalizzati all’introduzione di sistemi volontari di certificazione di qualità

Comparto agrumicolo:
Concentrazione dell’offerta mediante la realizzazione di centri interaziendali di confezionamento e commercializzazione con particolare riferimento agli aspetti logistici.
Acquisto macchine specializzate per l’esecuzione delle operazioni di potatura e della raccolta per ridurre i costi di produzione e accrescere la qualità merceologica dei prodotti.
Interventi di riconversione varietale in funzione di specifiche nuove esigenze di mercato.- Realizzazione di nuovi impianti mediante l’utilizzo di portinnesti tolleranti al Citrus Tristeza Virus (CTV).

Comparto frutticolo:
Concentrazione dell’offerta mediante la realizzazione di centri interaziendali di confezionamento e commercializzazione con particolare riferimento alla logistica.
Acquisto di macchine per l’esecuzione dell’operazione di potatura (meccanizzata) e di macchine e/o attrezzature specializzate e agevolatrici per la raccolta.
Interventi di riconversione varietale in funzione di specifiche nuove esigenze di mercato.

Comparto olivicolo, vitivinicolo e frutta in guscio:
Acquisto di macchine per l’esecuzione dell’operazione di potatura (meccanizzata e non portatile) e di macchine e/o attrezzature specializzate e agevolatrici per la raccolta.

B.2 Produzioni animali

Comparto Carne bovino, ovicaprino e suino:
Realizzazione di interventi per il miglioramento del processo produttivo dal punto di vista gestionale, tecnologico, igienico-sanitario, finalizzato all’innalzamento della qualità della carne e dei suoi derivati.
investimenti destinati al recupero, trattamento e valorizzazione di residui, rifiuti, reflui, sottoprodotti zootecnici e residui vegetali per la produzione di energia rinnovabile e per l’utilizzazione agronomica.

Comparto Lattiero-caseario:
investimenti destinati al recupero, trattamento e valorizzazione di residui, rifiuti, reflui, sottoprodotti zootecnici e residui vegetali per la produzione di energia rinnovabile e per l’utilizzazione agronomica;
Realizzazione di interventi per il miglioramento del processo produttivo dal punto di vista gestionale, tecnologico e nutrizionale, igienico sanitario, finalizzato all’innalzamento della qualità del latte e dei suoi derivati.

Comparto avicolo:
Realizzazione di interventi per il miglioramento del processo produttivo dal punto di vista gestionale, tecnologico, igienico-sanitario, finalizzato all’innalzamento della  qualità della carne e delle uova;
Realizzazione di interventi per gli allevamenti avicoli a terra per la produzione di carne e uova.

Comparto zootecnico allevamenti minori:
Realizzazioni di interventi per il miglioramento del processo produttivo (apicoli, elicicoli, equini, cunicoli, cani, selvaggina a scopo di ripopolamento).

Ammontare della sovvenzione dal 50 al 70%

Fonte: PSR Sicilia 2014 2020

Pin It
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi